7 CONVERSAZIONI

victor_fb

PROGRAMMA CONVEGNO
……………………………………………………………………………….
SETTE CONVERSAZIONI / 27-28-29 NOVEMBRE 2015
Scuola Primaria Carducci, Cesena
……………………………………………………………………………….

Le conversazioni si rivolgono ad un pubblico ampio: insegnanti, educatori, operatori scolastici, genitori, studenti e studiosi dell’ambito educativo. L’obiettivo è creare un territorio disseminato che comprenderà diverse aule della Scuola Carducci, ciascuna con un tavolo ed un relatore, che chiameremo “confidente”. Ciascun confidente proporrà un tema, che esporrà parlando delle proprie ricerche, ma anche delle proprie esperienze personali. Subito dopo la presentazione nel tavolo prenderà vita la conversazione libera, aperta a tutte le persone sedute iscritte. Non ci sarà quindi una conferenza frontale, ma piuttosto una situazione condivisa, intima, in cui diverse persone che lavorano o vivono il contesto scolastico, potranno discutere di un certo tema in uno scambio orizzontale non gerarchico. Esternamente potrà assistere come solo uditore un pubblico esterno.

………………………………………………………………………………………………………………………

I° GIORNATA

venerdì 27 novembre 2015 dalle 17.00 alle 19.00

> Conversazione uno
“Pensiero libertario tra suggestioni teoriche ed esperienze attuali nel mondo e in Italia”
CONFIDENTE: PROF. FRANCESCO CODELLO
 
Francesco Codello, è insegnante e dirigente scolastico a Treviso. Fondatore e tra i più attivi esponenti della Rete delle scuole libertarie (www.educazionelibertaria.org), referente italiano dell’International Democratic Education Network, è membro, dalla fondazione, dell’EUDEC (European Democratic Education Community). Da anni impegnato nella ricerca storico-educativa, nell’analisi dei sistemi scolastici, è autore di numerosi articoli e saggi apparsi su diverse riviste, e redattore della rivista anarchica “Volontà” prima e della rivista “Libertaria” attualmente. Ha scritto, tra l’altro, Educazione e anarchismo (1995), La buona educazione (2005), Vaso, creta o fiore. Né riempire, né plasmare ma educare (2005), Né obbedire né comandare ((2009), Gli anarchismi (2009), Liberi di imparare (2011, con Irene Stella), La campanella non suona più (2015). 

………………………………………………………………………………………………………………………

> Conversazione due
“Intorno ad una nuova narrazione multiculturale nella scuola”
CONFIDENTE: GABRIELLA KURUVILLA

Gabriella Kuruvilla, scrittrice e pittrice italo-indiana, è nata a Milano nel 1969. Laureata in architettura e giornalista professionista, collabora con vari quotidiani e riviste e ha esposto i suoi quadri in Italia e all’estero. Ha pubblicato: il romanzo Media chiara e noccioline (DeriveApprodi, 2001 – uscito con lo pseudonimo di Viola Chandra), il libro di racconti È la vita, dolcezza (Baldini Castoldi Dalai, 2008 – Morellini Editore, 2014), il libro per bambini Questa non è una baby sitter (Terre di Mezzo, 2010 – con illustrazioni di Gabriella Giandelli) e il romanzo Milano, fin qui tutto bene (Laterza, 2012). Per Morellini Editore, ha curato, disegnato la copertina e scritto un racconto per le antologie Milano d’autore (2014) e Roma d’autore (2015).

………………………………………………………………………………………………………………………

II° GIORNATA

sabato 28 novembre 2015 dalle 10.00 alle 12.00

> Conversazione tre 
“I bambini devono sporcarsi le mani: esperienze tra cenci casa laboratorio e movimento di cooperazione educativa”
CONFIDENTE: MARCO POLLANO
 
Marco Pollano è maestro elementare e fa parte del Movimento di Cooperazione Educativa Collabora con il maestro Franco Lorenzoni del quale porterà testimonianza raccontando di casa-laboratorio di Cenci ad Amelia, in Umbria, luogo di ricerca educativa ed artistica che si occupa di ecologia, intercultura e integrazione e altre esperienze che ruotano intorno al Movimento di cooperazione educativa (Roma).

………………………………………………………………………………………………………………………

> Conversazione quattro 
 “L’eta’ del pregiudizio”
CONFIDENTE: DOTT. FRANCESCO CIUTI
 
Francesco Ciuti è psicologo e psicoterapeuta. Svolge la sua attività clinica come libero professionista e all’interno di un’equipe che si occupa di cure palliative e terapia del dolore con malati terminali presso il “Nomentana Hospital” di Roma. Dal 2004 tiene corsi di formazione nelle scuole rivolti a docenti e studenti sui temi dell’educazione affettiva e sessuale, prevenzione al bullismo e educazione alimentare. Collabora con l’associazione no profit “Universo Famiglia” nell’ambito del sostegno alla genitorialità e della lotta alle discriminazioni legate all’identità e all’orientamento sessuale. 
 

………………………………………………………………………………………………………………………

> Conversazione cinque 
“L’importanza della relazione all’interno del processo artistico ed educativo
CONFIDENTE: MASSIMILIANO DI FRANCA
 
Massimiliano di Franca, artista relazionale e curatore di arte contemporanea. Laureato all’Accademia di Belle Arti di Catania, specializzato all’Academie Royale  des Beaux Arts de Bruxelles. E’ stato fondatore della Cooperativa Routes Agency. Cura of Contemporary Art di Roma, dove tra gli altri, ha partecipato a progetti realizzati al Museo Etnografico Luigi Pigorini di Roma e al MAXXI. Ha partecipato a numerose esperienze di formazione nelle scuole, tra cui al Progetto Librino a Catania, al progetto Rock Your City a Roma con Routes Agency, al progetto Dimora di Mondaino con il Gruppo Fatti d’Arte. Ha inoltre realizzato una propria esperienza di arte relazionale nelle scuole di II grado di Amiens.

 

………………………………………………………………………………………………………………………

III°GIORNATA

domenica 29 novembre 2015 dalle 10.00 alle 12.00 

> Conversazione sei
“Rinnovare la relazione tra scuola, lingua e cultura”                                                                                                                        
CONFIDENTI: PROF. DEREK DUNCAN E PROF. CHARLES BURDETT
 
Derek Duncan è professore ordinario presso St Andrews University in Scozia. Ha curato volumi sul colonialismo e postcolonialismo italiano e la sua ricerca si focalizza soprattutto su questioni di genere e di sessualità. Attualmente sta preparando un volume monografico su cinema italiano e migrazione. Partecipa al progetto di ricerca ‘Mobility, Identity and Translationin Modern Italian Cultures’ (http://www.transnationalmodernlanguages.ac.uk) il cui scopo è di identificare ed analizzare le modalità culturali dell’emigrazione italiana nel mondo. 
Charles Burdett è professore di Italiano alla Bristol University ed è leader del progetto “Transnationalizing Modern Languages: Mobility. Identity and Translation in Modern Italian Cultures”. Si è laureato in  Modern Languages (French and Italian) alla Oxford University (BA 1989) dove ha conseguito anche un dottorato (1994) sulla Letteratura utaliana tra le due guerre. Ha insegnato alla Cardiff University (1993-97) e a Bristol come Lettore fino al 1997 , poi Senior Lecturer (2002), e Reader nel Dipartimento di Modern Italian Studies (2009). E’ nell’ editorial board della rivista Italian Studies ed è membro del Peer Review College of the AHRC.

………………………………………………………………………………………………………………………

> Conversazione sette
“Educazione libertaria nella pratica della vita quotidiana”
CONFIDENTE: SARA BASTA

Artista indipendente formatasi alla “Finnish Academy of Fine Arts” di Helsinki. Nella suo lavoro si interessa particolarmente al tema dell’educazione libertaria, attivando uno scambio continuo tra la propria esperienza personale e la pratica artistica laboratoriale.  Nel 2013 vince il concorso “Arte, Patrimonio e Diritti Umani”, indetto da Connecting Cultures in partnership con Fondazione ISMU – Patrimonio Intercultura, con il sostegno del Ministero per i Beni e  le Attività Culturali, con il progetto “Lingua Mamma” ideato insieme all’artista Mariana Ferratto. Si tratta di un progetto artistico linguistico con la comunità Bengalese di Roma, la cui mostra sarà ospitata all’interno del programma della V°edizione di BIM! Microfestival di cultura infantile a Cesena. http://linguamamma.blogspot.it/

………………………………………………………………………………………………………………………

INFO PER PARTECIPARE:
^ Per partecipare ai tavoli del convegno, alle conversazioni e al corso di formazione è necessario iscriversi facendo richiesta a: info@katriem.it ; E’ prevista la presenza di massimo 15 persone sedute a tavolo. 
^ E’ previsto l’ingresso ad un pubblico uditore che potrà assistere alla conversazione senza bisogno di iscrizione anticipata.
^ Ad ogni partecipante alle conversazioni sarà rilasciato un attestato di partecipazione.