nota narrativa

head-sito-bim-2016_kat

Cos’è per noi casa? Anche noi siamo casa?

Ecco le due domanda dalle quali ha preso vita il sesto anno del giardino segreto di Borgo Indaco che ha visto lo scorso luglio la partecipazione di 80 bambini tra i tre e dodici anni alla scuola estiva di più arti. L’idea è stata quella di dare vita ad un percorso laboratoriale sulla moltitudine di cose che appartengono allo spazio casa, che è allo stesso tempo tanto materiale quanto sentimentale. In particolar modo ci è sembrato meraviglioso pensare ad ogni bambino come ad una casa. Ogni bambino è casa! Una casa affollata da pensieri carichi di stupore e vivace meraviglia; una casa agitata dalla furia incessabile di idee, domande, ripetizioni ed intuizioni geniali che scorrono quotidianamente come un fiume in piena; una casa che ha due occhi grandi che guardano alla vita servendosi di un sensibile sguardo ed una bocca che parla la lingua delle infinite sfumature. Una casa che è al contempo rifugio, quel posto segreto che ospita tutto ciò che vivo, ciò che sono. Ogni bambino di Borgo Indaco, a suo modo e con il proprio tempo, ha giocato, pensato e sperimentato vari percorsi, manipolando materiali, lasciando tracce, osservando ciò che gli era intorno e soprattutto confrontandosi e stando insieme ai propri compagni. Per questa VI° edizione il festival decide di proiettare luce sulle pratiche attuate all’interno della scuola con i bambini proponendo una mostra partecipata dove nulla è in mostra e tutto è da fare. Percorsi narrativi, installazioni partecipate, laboratori e atelier ci permetteranno di giocare e interrogarci sul concetto di casa partendo dalle suggestioni di alcuni autori di albi illustrati e dalla contaminazione di diversi linguaggi di artisti contemporanei. Per questa edizione di BIM! la scuola di Borgo Indaco diventa un’esperienza diffusa per grandi e piccini.

Il programma è tratto dal percorso didattico-artistico a cura di Valentina Pagliarani, Fabiola Tinessa, Leslie Silvani / con la partecipazione di: Cristina Brolli, Manuela Mapelli, Silvia Pirone, Giorgia Valmorri.