il foyer del festival

esternog

“IL CORTILE DEL VIANDANTE”

Foyer e ingresso Festival – Cortile Biblioteca Malatestiana 

Il Cortile del viandante è stato realizzato grazie al contributo di diversi partner sostenitori che hanno permesso di animare lo spazio con diverse proposte. Si presenta come un punto di incontro e scambio del festival.

Partner Sostenitori:

ORECCHIO ACERBO Casa Editrice – TEATRO VALDOCA – CHICCHIRIVOLTA – STUDIO GRASSI DESIGN – ALMAVERDE BIO – SCARPELLINI GARDEN CENTER – PASSERINI CENTRO STAMPE. 
 
 
joseph-cornell-solomon-islands
 

> “Apriti sesamo” 

LA TENDA DEL VIANDANTE DEI CORTILI 

a cura di Nicola D’altri / Mappe disegnate da Giorgia Valmorri / Da un progetto di Valentina Pagliarani 

Sabato 19 e domenica 20 settembre 

Di cortile in cortile prende forma attraverso la figura di un viandante, immagine mitica e leggendaria associata al viaggio e alla ricerca di una meta finale che si risolve nel viaggio stesso. Il viandante viaggia leggero ed è munito di un paio di scarpe per attraversare strade solitarie. Ha occhi curiosi per osservare ciò che accade intorno. Porta con sé un taccuino su cui annotare pensieri e suggestioni e ha una mappa che senza descrivergli il percorso gli indica la via. Il viandante non abita nessun luogo ma un sentiero che attraversa misteriosi angoli di mondo. Ogni angolo conserva e circoscrive momenti vissuti e storie inenarrate che emergono ogni qualvolta si sfoglia il taccuino. Non é necessario descriverli o narrarli ma immaginarli, immergendosi in un stato onirico in cui é possibile rintracciare le penombre dell’infanzia, le stesse che permettono di evocare il carattere pittoresco di una dimora, di un viso, di una storia e di un… cortile.

 chicchirivolta

> C’ERA UNA VOLTA CHICCHIRIVOLTA … Giocare e inventare 

a cura di Sara Panzavolta

Sabato 19 e domenica 20 settembre 

Il gioco è il mestiere del bambino, lo strumento attraverso il quale egli fa esperienza del  mondo e delle prime leggi fisiche che lo regolano. Il progetto ChicchiRivolta propone una serie di giocattoli in legno e cartone ispirati alla tradizione, accuratamente pensati per stimolare la fantasia e la creatività, il gioco spontaneo e l’immaginazione, per educare al bello. Questi giocattoli sono interamente biodegradabili, in modo che, quando non saranno più utilizzati il loro smaltimento sarà ad impatto zero sull’ambiente.

ChicchiRivolta, con le sue piccole creazioni, invita i bambini e i genitori al fai da te, a riprodurre, ricreare, inventare, smontare per creare nuovamente, perché la cultura sorga in forma ludica.

“Vedo un bambino. È piccolo. Ce l’avrà almeno un pensiero? Sorpresa! Guardate voi stessi: sta pensando il mondo intero”

Sara Panzavolta, vive a Ravenna, dove è nata nel 1985. Ha lavorato per molti anni al “Centro- Gioco- Natura- Creatività La Lucertola” di Ravenna avendo la fortuna di imparare dal mastro giocattolaio Roberto Papetti.  Per il resto, coltiva un orto,legge tantissimi libri per ragazzi e fumetti, è vegetariana, non guarda la tv. Nel 2012 ha pubblicato un libro per bambini “Quando mio nonno era un bambino” .

Scatti-dalla-fiera

> TEMPORARY BOOK SHOP DI ORECCHIO ACERBO – casa editrice

Sabato 19 e domenica 20 settembre 

La casa editrice Orecchio Acerbo, in collaborazione con [NON]MUSEO – Centro di arte e cultura contemporanea dall’infanzia, cura un punto vendita temporaneo presso il foyer del festival. Per l’occasione è stata fatta un’accurata selezione tra i più interessanti albi illustrati editi dalla casa editrice, tra i quali gli ultimi in uscita.

Orecchio Acerbo, Categoria farmaceutica: Libri per ragazzi che non recano danno agli adulti / libri per adulti che non recano danno ai ragazzi. Indicazioni terapeutiche: Stati di grave bulimia televisiva. Sindrome acuta di insufficienza immaginatoria. Distonia o rimbecillimento da abuso di videogiochi. Irritazioni cellulari da SMS. Coaudiuvante nel trattamento delle dipendenze da psicofamiliari (anfemammine, erononnine, coccaziine ecc.). Intolleranze alimentate razziali, politiche, religiose ecc.). Elettroencefalodramma da iperattività. Squilibri emotivi connessi a stress per mancanza di mancanze. Stati apatici da eccesso di conformismo. Danni nel campo visivo. Abbassamento della soglia di solidarietà. Orecchio Acerbo è una casa editrice, fondata e diretta da Fausta Orecchio (dir. editoriale) e Simone Tonucci (dir. commerciale) – che ne curano anche l’aspetto grafico – è nata nel dicembre 2001. Insieme a Fausta e Simone, lavorano: Paolo Cesari (redazione e ufficio stampa), Carla Ghisalberti (redazione e laboratori),
e Federico Ortolani (logistica).
 

mele

> UNA MERENDA PRIMA DI INIZIARE IL VIAGGIO – un dono nutriente per i visitatori

Realizzato grazie al contributo di ALMAVERDE BIO

Ogni visitatore è invitato a presentarsi presso la tenda nella quale riceverà in dono una piccola merenda.

 

> PUNTO RISTORO DEL FESTIVAL “OSTERIA DEL LEONE”  via Montalti 12 

a cura di Marco Bertozzi